Assenze, o attese

Giugno 25, 2016 News 0

La cosa più difficile per chi fa il mio lavoro sono gli spazi vuoti. Dove metterli? Quanto grandi? Più chiari? Più scuri? E poi cosa farne? Farli entrare nella storia o usarli per soli fini compositivi? Protagonisti o comparse? La risposta forse non è una sola; infatti per me, in questo periodo, gli spazi vuoti rappresentano delle assenze. E delle attese.

 

  777
Share this:

Leave a Comment!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.